martedì 23 agosto 2016

Sopravvivere

Sopravvivere: questo è quello che si cerca di fare quando muore una figlia.
Anzi, il primo desiderio è morire con lei perché il dolore è talmente forte, talmente grande, talmente assurdo da sentirsi persi, svuotati, annientati.

Il pozzo nel quale si precipita diventa sempre più profondo, la sofferenza scava nell’animo e vi rimane. Per sempre.
Non c’è pace, ma solo tormento…
Il vuoto è infinito anche quando si tenta di dare un senso a qualcosa che, invece, un senso non ce l’ha più.

E solo una madre (o un padre, anche se in maniera diversa) che ha attraversato lo stesso dolore può comprendere realmente cosa significhi la perdita di una figlia.

Continui a vagare in un mare senza mai approdare a nessuna sponda, senza una rotta, senza un timoniere che indichi la direzione. 
Ti senti un superstite, vulnerabile e disperato.

Tutto è sospeso tra il ‘prima’ e il ‘dopo’, senza più riferimenti certi, senza sicurezze se non la consapevolezza che, il dolore, non lo può togliere nessuno.

E la ferita resta aperta e così rimarrà per tutta la vita…


giovedì 18 agosto 2016

Manchi

«Io esisto ancora, tu non ci sei più, come parli di te o non ne parli, sono sempre minacciata dal pianto.
Devo fare ricorso più volte nella giornata a una pacatezza al quanto più ragionevole, rallento il ritmo, abbasso il tono della voce, economizzo gli aggettivi. 
La tua morte ha rarefatto l'atmosfera.
Niente ha alcun potere sulla morte, luogo della sconfitta della parola, eppure abbiamo parlato per 40 anni io e te; adesso parlo solo io, tu non parli più, non c'è risposta, né un sorriso, niente».

(L. Ravera, 1994)




giovedì 11 agosto 2016

domenica 31 luglio 2016

La guerra è una domanda a cui non sai rispondere


La guerra è essere in casa con la tua famiglia quando all'improvviso ti piomba addosso un razzo, sparato da non si sa chi, sparato per non si sa quale motivo. 
La guerra è una madre che rimane a casa con le due figlie che non ce l'hanno fatta, mentre il resto della famiglia viene trasportato di corsa in ospedale.
La guerra è una bambina di 9 anni che fa domande a cui non sai come rispondere.

La bambina si chiama Madina. È l'unica della sua famiglia rimasta illesa: ha viaggiato due ore sulla nostra ambulanza, per accompagnare i parenti feriti da Tagab, dove vivono, al nostro ospedale di ‪‎Kabul. 
È stata lei a dirci i loro nomi, mentre guardava il nostro staff che li trasportava sulle barelle. Era lei a chiederci come stessero il fratellino, il padre, i due cugini e gli zii.

Che spiegazione si può dare a una bambina di nove anni di fronte a quelle ferite?

Sara, coordinatrice medica in ‪‎Afghanistan

RESOCONTO DONAZIONI "IN RICORDO DI SARA"
(di cui siamo a conoscenza)

Associazione culturale "Manto Ginglù"                 €    100,00
Associazione "Fornovo il tuo paese"                      €    300,00
Saluto del 29 giugno (P.R.C. Parma)                       €    800,00
Pullman da Agugliano                                              €     555,00
Messa del 01 luglio                                                   €    100,00
Privati cittadini                                                          €      80,00
Asilo nido "Airone"                                                   €      50,00
P.R.C. Chiaravalle                                                      €      20,00
Dipendenti Comune Agugliano                              €     100,00
Saluto del 09 luglio (Agugliano)                             €     235,00

Totale                                                                          € 2.340,00
                                       

sabato 30 luglio 2016

Consiglio comunale del 30/07/2016


Spettatori: nessuno


Sabato 30 luglio si svolto il Consiglio comunale che ha trattato i seguenti punti all’ordine del giorno.
Non ci sono state comunicazioni del Sindaco.
Il secondo e il terzo punto sono stati l’assestamento generale e la salvaguardia degli equilibri di bilancio di previsione 2016 – 2018, due delibere prettamente tecniche sulle quali i gruppi di minoranza si sono astenuti.
L'ultimo punto è stato l'approvazione all’unanimità del regolamento del verde urbano, redatto sullo schema di regolamento regionale.

domenica 17 luglio 2016

Sara


E riderai quando guarderai le stelle
perchè io vivrò su una di esse...

giovedì 7 luglio 2016

Ultimo saluto a Sara

Martedì Sara è tornata a casa.

Chi vuole potrà salutarla sabato 9 luglio dalle 17,00 alle 20,00 
presso la sala consiliare del Comune di Agugliano.


Un ringraziamento a tutti coloro che ci hanno espresso la loro vicinanza.


lunedì 27 giugno 2016

Ciao Sara


Se non ci saranno altri problemi con la Procura, chi vuole potrà salutare Sara mercoledì 29 giugno dalle 9,00 alle 18,00 circa presso la Federazione provinciale del P.R.C. di Parma di via Solari.

Daremo conferma martedì sul profilo Facebook di Sara.

Cogliamo l'occasione per ringraziare tutti delle centinaia e centinaia di mail, messaggi e telegrammi ricevuti ognuno dei quali è stato una briciola di consolazione per questo dolore infinito.



giovedì 23 giugno 2016

Ciao Sara

Ieri il piccolo grande cuore di Sara ha cessato di battere e in quel preciso momento ha compiuto il suo ultimo gesto d'amore nei confronti del mondo donando tutto quanto poteva di sè.
I suoi organi e i suoi tessuti andranno ad alleviare le sofferenze di altri.

Io ho perso semplicemente una figlia, ma il mondo ha perduto una persona davvero speciale.


Ciao Sara. Un bacio. Mamma

sabato 30 aprile 2016

Consiglio comunale del 29/04/2016


Spettatori presenti: nessuno



Il Consiglio è stato presieduto da me in quanto il Sindaco era malato.

Non ci sono state comunicazioni del Sindaco e i verbali della seduta precedente sono stati approvati senza modifiche.

Il secondo punto ha riguardato l’approvazione del rendiconto consuntivo della gestione dell’anno 2015 che si è chiuso con un avanzo di amministrazione di € 493.763,39 di cui € 103.855,09 accantonato quale fondo per crediti di dubbia esigibilità al 31/12/2015, 123.466,26 vincolati per legge o altri vincoli, € 123.570, 19 destinata ad investimenti e € 142.871,25 disponibili.

Il terzo punto era relativo al rinvio all’anno 2017 dell’adozione del principio della contabilità economico-patrimoniale e del bilancio consolidato, operazione possibile per i comuni sotto i 5.000 abitanti e decisa per oggettive difficoltà dell’Ufficio Finanziario alla luce dei notevoli cambiamenti in corso.

L’ultimo punto è stata l’approvazione di una variazione al bilancio motivata sia da richieste degli uffici che dal recepimento di precisazioni della Corte dei Conti nell'esame del bilancio 2013.