mercoledì 9 aprile 2014

Consiglio comunale del 07/04/2014


Presenti diversi cittadini,



I verbali delle sedute precedenti sono stati approvati dalla maggioranza.

Il secondo punto, cioè l’atto di indirizzo sulla gestione dei rifiuti proposto dal Movimento 5 Stelle è stato ritirato dal Sindaco dopo che era stato presentato.
Per evitare strumentalizzazioni di chicchessia, riportiamo di seguito il testo integrale del nostro intervento.
Su questa proposta di deliberazione ci asterremo perché, pur condividendone lo spirito e concordando su alcuni principi, abbiamo delle perplessità.
In particolare, siamo assolutamente d’accordo sul principio del “rifiuto zero”.
A questo proposito ricordiamo che abbiamo proposto il sistema della raccolta “porta a porta” anche quando venivamo osteggiati e derisi.
Siamo anche d’accordo sul principio che “chi più produce rifiuti più paga” e quindi sulla tariffa puntuale.
Però tutto questo deve essere preceduto da una incisiva campagna d’informazione cui dovrà fare seguito uno studio sulla frazione indifferenziata per conoscere come incidere in maniera mirata sulla differenziazione.
Il punto su cui invece non concordiamo è l’impegno da assumere stasera di individuare anche sul territorio del Comune una eventuale area per l’insediamento di un impianto di selezione e trattamento.
Riteniamo infatti che questa scelta, come tutte quelle importanti debba essere affrontata con la partecipazione più ampia possibile dei cittadini e non già da un Consiglio comunale in scadenza.

Ci siamo astenuti sull’adozione definitiva della variante al P.R.G. comunale relativa all’integrazione della rete stradale provinciale perché, pur condividendo la necessità di snellire il traffico lungo Via De Gasperi, abbiamo forti perplessità sul tracciato individuati che, tra l’altro, passa a fianco alla zona individuata per la localizzazione della nuova scuola materna.

Abbiamo invece votato a favore sulla revoca della delibera di Consiglio n. 41 del 26/09/2013 riguardante l’individuazione di una zona di recupero con relativa variante per la classificazione dell’area di pertinenza perché richiesto espressamente dal proprietario.

Abbiamo votato a favore anche sullo schema di convenzione relativo alla proposta di intervento relativa al comparto D dell’area urbana pubblica SP1 perchè la realizzazione del progetto dei privati porterà ad una sistemazione dei bagni pubblici (con realizzazione anche dei servizi per disabili) e della fermata dell’autobus.

Ci sia astenuti sull’alienazione di un frustolo di terremo di proprietà comunale situato nel territorio di Polverigi, sul programma annuale delle collaborazioni (di programma ha ben poco limitandosi ad un elenco di possibili consulenze) e sull’ennesima variante al P.R.G. comunale riguardante un’area limitrofa all’edificio parrocchiale di Castel d’Emilio (acquista dal Comune)  alla quale, pur lasciando la destinazione a culto e servizi parrocchiali (neanche il Sindaco ha saputo spiegare il perché), sono stati aggiunti diversi usi possibili.

lunedì 24 febbraio 2014

Renzi - Il potere e il tradimento

di Barbara Spinelli

È fatale: una volta che hai scelto Tony Blair come modello, per forza approdi al tradimento. Tradimento della sinistra e dell’Europa che pretendi risuscitare, tradimento di promesse fatte nelle primarie o nei congressi.
Non dimentichiamo il nomignolo che fu dato al leader laburista, negli anni della guerra in Iraq: lo chiamarono il «poodle di Bush jr», il barboncino-lacchè sempre scodinzolante davanti alla finte vittorie annunciate dal boss d’oltre Atlantico.
Non dimentichiamo, noi che ci siamo imbarcati nel bastimento della Lista Tsipras, come Blair lavorò, di lena, per distruggere il poco di unione europea che esisteva e il poco che si voleva cambiare.
Fu lui a non volere che i Trattato di Lisbona divenisse una vera Costituzione, di quelle che cominciano, come la Carta degli Stati Uniti, con le parole: «Noi, il popolo....».
Fu lui che si oppose a ogni piano di maggiore solidarietà dell’Unione, e rifiutò ogni progetto di un’Europa politica, che controbilanciasse il potere solo economico esercitato dai mercati e in modo speciale dalla city.
Renzi è consapevole di queste cose, o parla di Blair tanto per parlare?
E il ministro degli Esteri Mogherini in che cosa è meglio di Emma Bonino, che al federalismo europeo ha dedicato una vita e possiede una vera competenza? Federica Mogherini ha concentrato i suoi interessi sulla Nato innanzitutto, e poi sull’Europa. Chissà se è consapevole della degradazione dell’Alleanza atlantica, nei catastrofici dodici anni di guerra antiterrorista.
Ma ancor più inquietante è la rinuncia, in extremis, a Nicola Gratteri ministro della Giustizia. Questo sì sarebbe stato un segnale di svolta. La sua battaglia contro il malcostume politico e le mafie è la risposta più seria che l’Italia possa dare ai rapporti dell’Unione che ci definiscono il paese più corrotto d’Europa.
Non è ancora chiaro chi abbia lavorato contro la nomina di Gratteri. Forse il Quirinale, per fedeltà alle Larghe intese; di certo le destre di Alfano e Berlusconi, con il quale Renzi vuol negoziare le riforme della Costituzione.
È stato detto che non è bene che un pm diventi guardasigilli. Anche qui, la rimozione e l’oblio regnano indisturbati: nel 2011, il Quirinale firmò la nomina del magistrato di Forza Italia Nitto Palma, vicino al Premier Berlusconi e Cosentino. Evidentemente quel che valeva per Nitto Palma è tabù per Gratteri.
Il veto al suo nome è ad personam, e accoglie la richiesta della destra di avere un ministro «garantista» (garantista degli imputati di corruzione, di voto di scambio, di frode fiscale, ecc).
Al suo posto è stato scelto un uomo di apparato, Andrea Orlando, che solo da poco tempo si occupa di giustizia, che ha fatto la sua scalata prima nel Pci, poi nel Pds, poi nei Ds, poi nel Pd. Nel governo Letta era ministro dell’Ambiente. Auspica – in profonda sintonia con Berlusconi – la fine dell’obbligatorietà dell’azione penale e la separazione delle carriere dei magistrati.
Infine il ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan. Recentemente ha preconizzato l’allentamento delle politiche di austerità, che aveva difeso per anni. Non ha neppure escluso l’utilità di una patrimoniale. Ma di questi tempi tutti, a parole, sono contro l’austerità. Vedremo cosa Padoan proporrà in Europa: come passerà - se passerà - dalle parole agli atti. Al momento non vedo discontinuità tra lui e Fabrizio Saccomanni.
Naturalmente può darsi che Renzi farà qualcosa di utile per l’Italia: prima di tutto su lavoro e fisco.
Non mi aspetto niente di speciale sull’Europa, per i motivi che ho citato prima.
Non credo nemmeno che creda in quel che è andato dicendo per mesi: «Niente più Larghe Intese!», o «Mai a Palazzo Chigi senza un passaggio elettorale».
Altrimenti non avrebbe guastato tante parole nel giro di poche ore, giusto per andare a Palazzo Chigi e presentarsi - terzo Premier nominato - in un Parlamento di nominati.

venerdì 21 febbraio 2014

Consiglio comunale del 28/01/2014


Sala del Consiglio piena.



Tra le comunicazioni il Sindaco ha reso noto che la Protezione civile ha presentato una relazione sull’attività svolta. Sull’approvazione dei verbali ci siamo astenuti in quanto sono stati fatti approvare insieme quelli delle ultime due sedute, in una delle quali eravamo assenti.

Il punto due ha riguardato la discussione, se così si può definire, in merito all’attività della Società “Agugliano Servizi S.r.l.”. Per quasi due ore ci siamo sentiti sciorinare, prima dal Sindaco poi dall’Amministratore della Società, le meraviglie operate da questa società. Per dirla con le parole di un celebre film “cose che voi umani non potreste neanche immaginare”.
Quando è toccato all’opposizione parlare, è stato messo in atto un atteggiamento vessatorio e provocatorio: tentativi di interruzione, richiami al tempo consentito di intervento, commenti fuori microfono e così via. Le relazioni non hanno fugato alcuno dei nostri dubbi e anche il Revisore, chiamato a intervenire dall’Assessore Berardi, non ha né confermato né smentito nulla, limitandosi a rinviare il suo giudizio al 26 maggio (data delle elezioni amministrative ?!?!)
Saremo più precisi non appena il verbale sarà pubblicato.

C’è poi stata la comunicazione di un prelievo dal fondo di riserva pari ad euro 33.550 destinato in larghissima parte alla manutenzione delle strade (è iniziata la campagna elettorale?)

Il quarto punto, sul quale abbiamo votato contro, ha riguardato la convalida da parte del Consiglio comunale della delibera di Giunta n. 214 del 12/12/2013 concernente la proroga della sospensione della delibera di recesso unilaterale dall’Unione dei Comuni, adottata dalla Giunta con difetto di attrizione.

E’ seguita poi la revoca definitiva della delibera di recesso unilaterale dall’Unione dei Comuni e che ha posto fine (almeno lo speriamo) a questo tormentone infinito.

Il sesto punto ha riguardato la risoluzione della convenzione di Segreteria con i Comuni di Camerata Picena e San Marcello e l’approvazione di una nuova convenzione per la gestione associata dell’Ufficio di Segreteria con i Comuni di Offagna, Polverigi e Camerata Picena.
Abbiamo fatto notare che lo schema di convenzione era sbagliato in numerosi articoli in quanto prevedeva l’adesione di due Comuni e non quattro come realmente è.
Ci sorge un dubbio: ma qualcuno legge i documenti che devono andare in Consiglio?

Col settimo punto si sono nominati i tre Consiglieri (due di maggioranza: Braconi . e Freddi e uno di minoranza: Bassani) che andranno a far parte della nuova Unione dei Comuni.

Il punto otto ha riguardato delle piccole modifiche al regolamento per la disciplina della “Fiera di Primavera” (la data è stata spostata dalla terza alla seconda domenica di aprile e sono stati variati alcuni posteggi).

Il nono ed ultimo punto è stata una rettifica dello schema di convenzione per la costituzione della centrale unica di committenza per i Comuni di Agugliano, Camerata Picena e Polverigi.
Le modifiche sono state volute dal Comune di Polverigi che le ha introdotte durante l’approvazione fatta nel suo Consiglio. Questo ha comportato un nuovo passaggio in Consiglio comunale anche da noi.

Evidentemente solo da noi i testi che pervengono in Consiglio sono considerati immodificabili…

martedì 24 dicembre 2013

AUGURI !


AUGURI A TUTTI I VIAGGIATORI CHE 
PASSANO DI QUI!

giovedì 28 novembre 2013

Consiglio comunale del 28/11/2013

Giovedì 28 novembre 2013 si è tenuta una seduta del Consiglio comunale alla quale non abbiamo potuto partecipare in quanto impegnati in altra sede. Riportiamo brevemente alcune considerazioni desunte dai verbali dei punti all'ordine del giorno pubblicati solo in questi giorni.
Non ci sono state comunicazioni del Sindaco e non è stata effettuata l'approvazione dei verbali delle sedute precedenti.
L'assestamento generale al bilancio di previsione 2013 ha visto alcune variazioni; le più rilevanti sono state l'applicazione al bilancio di € 157.000,00 dell'avanzo di amministrazione, l'aumento da 15.000 a 35.000 dello stanziamento per liti, arbitraggi e risarcimenti e il contributo di 30.000 euro in conto capitale alla società "Agugliano Servizi S.r.l." 
E' seguita la terza votazione per l'approvazione del nuovo statuto dell'Unione dei Comuni di Agugliano, Camerata Picena e Polverigi dovuta al mancato raggiungimento della maggioranza qualificata dei due terzi dei Consiglieri assegnati al Comune.
Il quarto punto riguardante la L.R. 36/2005 Art. 20 Ter Comma 2. Decreto dirigenziale n. 51/EDI del 16/07/2013. Revoca contributo. Riconoscimento di debito fuori bilancio. Rateizzazione. Provvedimenti conseguenti, è stato ritirato per la seconda volta.
Il regolamento comunale per la realizzazione di interventi edilizi minori (RIEM) è stato approvato con il recepimento delle nostre osservazionu riguardanti il calcolo della superficie dei gazebo e la diminuzione della superficie massima delle casette per ricovero attrezzi.
​L'approvazione della modifica all'art. 13 del regolamento edilizio comunale ha riguardato le caratteristiche e le superfici dei sopplachi
Il settimo punto era relativo ala riproposizione dell''adozione della  variante al P.R.G. comunale relativa all'integrazione della rete stradale provinciale per la realizzazione di una nuova strada che integri la rete stradale provinciale (SP n.4), escludendo l’attraversamento dell’area urbana e mettendo in diretto collegamento il tratto della SP n.4 che da Torrette di Ancona raggiunge Agugliano con il tratto della stessa strada provinciale che esce da Agugliano verso Polverigi e Osimo. Siamo molto perplessi sul tracciato che è previsto a fianco dell'area dove dovrebbe sorgere la nuova scuola materna.
L'ultimo punto ha riguardato l'accordo tra Società Multiservizi S.p.A. ed ESTRA S.p.A. per la costituzione di una newco operante nei settori della distribuzione e vendita del gas naturale. Atto di indirizzo con fissazione dei prioncipi base dell'operazione: determinazioni riguardo all'affidamento in corso del servizio di distribuzione del gas naturale.

martedì 26 novembre 2013

Consiglio comunale del 25/11/2013



Presente un solo spettatore.


Non ci sono state comunicazioni del Sindaco

Si è poi passati alla votazione, senza discussione, del nuovo statuto dell'Unione dei Comuni di Agugliano, Camerata Picena e Polverigi. 

Al termine della seduta, dato che non è stato possibile farlo nel punto relativo alle comunicazioni, ho voluto lasciare una testimonianza sulla ricorrenza della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. 
Questo l'intervento.

Nel 1999 l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite scelse di dedicare la data del 25 novembre alla Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, invitando governi, organizzazioni internazionali, ONG ed enti a organizzare attività volte a sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema della violenza di genere, fenomeno endemico e gravissimo.

La baronessa Catherine Ashton, alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza e vicepresidente della Commissione europea, ha recentemente definito  la violenza sulle donne come “la più diffusa violazione dei diritti umani del nostro tempo”.

ll fenomeno della violenza di genere non colpisce più un determinato target di persone, cioè le donne accomunate da una estrema vulnerabilità sia economica che psicologica, come le immigrate, le rifugiate, le disabili, le prostitute, le vittime della tratta, ecc. ma è un’emergenza che coinvolge tutte: mogli, madri, compagne, amanti e figlie.

In Italia, quasi ogni due giorni, secondo i dati dell’AMI e di Telefono Rosa, una donna viene uccisa, nell’80% dei casi dal convivente, dall’ex partner o da una persona della famiglia.
Anche l’Onu conferma che l’80% dei casi di violenze contro le donne si consuma tra le mura domestiche per mano di ex partner, mariti, compagni, padri, fratelli o persone conosciute.

“Se non sei mia non sarai di nessun altro” è il mantra che sta alla base del concetto di amore = possesso di troppi rapporti sentimentali.
Questo concetto è stato egregiamente espresso Dacia Maraini quando ha scritto che “L’amore-possesso, quando è posto in discussione dal pensiero autonomo dell’amata, mette in crisi l’identità stessa dell’amante che, per paura, si trasforma in mostro. Mi rimane la domanda: perché la coscienza sociale, le nostre coscienze, non sono turbate quanto dovrebbero?

Evidentemente c’è un’insufficienza culturale, etica e morale da colmare. 
Se si considera che oltre il 90% delle violenze non viene denunciato, ci si rende conto di quanto la lotta alla violenza contro le donne sia innanzitutto una sfida culturale, da affrontare fin dall’età della formazione.
Per questo la scuola deve diventare il luogo dove si affrontino temi come l'uguaglianza di genere, per avviare un radicale cambiamento culturale nella nostra società e per estirpare i pregiudizi fondati sulla cosiddetta inferiorità delle donne o sui ruoli stereotipati attribuiti a donne e uomini.

Ben vengano iniziative, manifestazioni, conferenze e dibattiti, ma la vera sfida è questa: costruire oggi gli uomini di domani.

sabato 9 novembre 2013

Consiglio comunale del 07/11/2013


Spettatori presenti: quattro



Le comunicazioni del Sindaco hanno riguardato la ricorrenza del 4 novembre e la presentazione di un libro.

I verbali delle sedute precedenti sono stati approvati senza emendamenti.

Il secondo punto riguardava l'approvazione del nuovo statuto dell'Unione dei Comuni ridotta a Agugliano, Camerata Picena e Polverigi, in quanto Offagna e Santa Maria Nuova entro il 31 dicembre usciranno da quella attuale per diversi motivi.
La discussione è stata lunga ed incentrata su un unico argomento: la possibilità di effettuare i referendum. Questa richiesta era già stata presentata nella Commissione consiliare dal Gruppo consiliare "A Sinistra per Agugliano" dato che il testo del nuovo statuto non lo prevedeva. La richiesta in Commissione era stata bocciata con la tesi che non i referendum non erano possibili in quanto lesivi dell'autonomia dei singoli Comuni. Allora abbiamo fatto un lavoro di ricerca ed abbiamo appurato che la quasi totalità degli statuti delle Unioni italiane prevede espressamente questo strumento di partecipazione e quindi abbiamo deciso di ripresentare l'emendamento anche in Consiglio comunale.
Inutile dire che è stato nuovamente respinto...
Siccome il Sindaco nella sua risposta ha stravolto l'intervento fatto per la presentazione dell'emendamento, riteniamo utile riportarlo integralmente, così ognuno potrà farsi una propria idea. Non appena il verbale sarà disponibile, riporteremo anche i passaggi salienti del Sindaco Lombardi.
Una delle più importanti sfide che deve raccogliere chi è chiamato ad amministrare la cosa pubblica è quella di ricucire lo strappo esistente tra i cittadini ed i loro amministratori, riconquistare la fiducia degli elettori, non attraverso l’inevitabile propaganda all’atto delle elezioni, ma attraverso un rinnovato rapporto basato con continuità sulla trasparenza, la vicinanza alle reali esigenze della città e la condivisione diretta delle scelte.
lo strumento più adatto per agevolare la ricostruzione di un rapporto di fiducia tra cittadini e istituzioni va ricercato nel coinvolgimento di questi con la costruzione di percorsi partecipativi che accompagnino le scelte di governo. Nella creazione, cioè, di una conoscenza e consapevolezza diffusa attraverso politiche che agevolino e promuovano la partecipazione attorno alle scelte di governo più impattanti sulla vita dei cittadini. 
Siamo convinti che la partecipazione dei cittadini migliori le politiche pubbliche e ne potenzi positivamente l'impatto con la vita della comunità. Pertanto, riteniamo necessario porre in essere processi partecipativi che coinvolgano i singoli cittadini, le imprese, il terzo settore per ogni decisione di rilievo che li riguardi, con particolare riferimento al campo ambientale, economico, urbanistico, sociale, sanitario, dei servizi pubblici. 
Il nuovo Statuto dell’Unione che stasera siamo chiamati ad approvare contiene una carenza macroscopica: la mancanza del referendum, quel particolare strumento democratico grazie al quale gli elettori sono invitati a dare il loro parere su determinati temi di rilievo.
Nella Commissione consiliare abbiamo proposto un emendamento che sanasse questa carenza: ci è stato risposto che non è possibile perché in questo modo si lederebbe l’autonomia dei singoli Comuni.
Questo atteggiamento, secondo noi, è emblematico di come viene vissuta l’Unione, cioè come semplice sommatoria degli interessi dei singoli Comuni che la compongono. A nostro avviso è una visione perdente: in questo modo anche la nuova Unione è già morta in partenza.
In ogni caso, abbiamo fatto una ricerca. La quasi totalità degli Statuti delle Unioni prevede espressamente il referendum tra gli istituti di partecipazione; possiamo presentarli anche stasera. Possibile che solo per noi questo sia impossibile?
Pertanto, proponiamo nuovamente al Consiglio l’emendamento presentato in Commissione, e precisamente di aggiungere al termine del comma 2 dell’art. 39 il seguente periodo:
“nonché referendum per conoscere, tramite l’espressione di un voto, la volontà dei cittadini nei confronti degli indirizzi politico-amministrativi dell’Unione stessa”.
Questo punto ha visto il voto contrario di tutta la minoranza per cui siamo stati accusati di voler boicottare l'Unione.
Facciamo presente che la seconda seduta della Commissione consiliare, cioè quella che doveva licenziare il testo finale è stata fatta dopo che gli altri Comuni avevano già votato un testo nei rispettivi Consigli comunali per cui, in pratica, non era più possibile modificare nulla, neanche gli errori formali e si è si è dovuta adottare la formula: "La Commissione raccomanda al Consiglio dell'Unione... di procedere alla correzione...."
Alla faccia del coinvolgimento delle minoranze!

Il punto tre, L.R. 36/2005 Art. 20 ter Comma 2. Decreto dirigenziale n. 51/EDI del 16/07/2013. Revoca contributo: Riconoscimento di debito fuori bilancio. Rateizzazione. Provvedimenti conseguenti è stato ritirato in quanto necessità di ulteriori approfondimenti.

Il punto quattro, riguardante l'approvazione di alcune modifiche al Regolamento comunale per la realizzazione di interventi edilizi minori è stato ritirato dopo una lunga discussione perchè non si veniva a capo dell'interpretazione riguardante superfici e sporgenze dei gazebo.

Sul punto cinque, Approvazione definitiva della variante puntuale al P.R.G. in località Molino - La Chiusa, ci siamo astenuti perchè ha recepito alcune osservazioni che riguardavano zone diverse dall'oggetto della variante.

Ci siamo astenuti anche sul punto sei, Alienazione frustolo di terreno in Via S. Chiara degli Scifi. Si tratta della vendita di un pezzettino di area a verde (poco più di 300 metri quadrati) già oggetto di un precedente tentativo di vendita andato fallito, per cui il bene è stato svalutato del 20% e si procede ad un nuovo tentativo. 
Da segnalare che all'interno della maggioranza non tutti hanno concordato con le possibilità di utilizzo.

Il settimo punto, cioè la decadenza della convenzione urbanistica per l'attuazione delle previsioni dell'ambito di lottizzazione IP 8 (il complesso di case sopra l'accesso al Parco delle Querce da Via Baleani) è stato votato all'unanimità. Il provvedimento si è reso necessario in quanto la ditta lottizzante non ha ottemperato agli obblighi previsti dalla convenzione e non ha terminato le opere di urbanizzazione previste nel piano di lottizzazione per cui dovrà supplire il Comune utilizzando la fidejussione stipulata.  

Ci siamo astenuti anche sull'ultimo punto, proroga temporanea fino al 31/12/2013 della sospensione temporanea del recesso dall'Unione dei Comuni deliberato con D.C. n. 12 dell'8/04/2013.
Il tormentone continua...

sabato 5 ottobre 2013

Ius soli, l'evidenza negata

Da Il Manifesto - Erri De Luca

Stamattina ho letto con soddisfazione di cittadino italiano la piccola notizia che la Federazione di Hockey su Prato tessera come atleti italiani gli immigrati nati sul nostro suolo. Applicano così all'aria aperta e sull'erba il diritto naturale di essere cittadini del luogo in cui si nasce.
Da noi questa evidenza non si ammette e l’argomento si ammanta della nebbiosa formula latina: ius soli.
In questo caso non importiamo termini anglosassoni, i preferiti dal linguaggio degli economisti e dei pubblicitari. In questo caso non parliamo di birthright citizenship, cittadinanza per diritto di nascita.
Non lo facciamo perché in quella lingua è norma applicata automaticamente a chi nasce sul territorio, per esempio americano, navi e aerei compresi. Il latino allontana.
Intanto mezzo migliaio di profughi si rovesciano in mare davanti ai nostri scogli. Mezzo migliaio insaccato dentro un bastimento sta in piene acque italiane e nessuna vigilanza lo avvista: lo segnala una imbarcazione privata.
Da qualche parte ho scritto: «Li lasciamo annegare/per negare». Con unanimità di governi continuiamo a tenere in vigore la incivile legge Bossi-Fini (ambo destro), costola peggiorativa della Turco-Napolitano (ambo sinistro). Le nostre autorità hanno promosso gli illegali respingimenti in mare, i sequestri dei pescherecci che osavano salvare naufraghi, la infamia dei campi di concentramento, Cie, per viaggiatori colpevoli di viaggio. Per supplemento di viltà quei detenuti vengono detti «ospiti», perché non esiste la fattispecie di reato. Esiste l’ignominia di imprigionare innocenti. Intanto di mezzo migliaio di profughi rovesciati in mare ne mancano a terra la metà. E mentre scrivo i corpi di annegati sono più di cento.
Non ai lettori del manifesto, ben informati dell’andazzo, ma a chi si affacciasse per curiosità su questa pagina: vi presento la peggior Italia possibile. Sappiate che è continuamente smentita e riscattata da tutt'altra Italia
Dall'Italia civile degli abitanti di Lampedusa che è diventata avamposto di futuro e ombelico del Mediterraneo. Da un papa argentino di cognome italiano che ha svolto il suo primo viaggio pastorale a Lampedusa, rigorosamente senza codazzo di autorità nostrane. Dalla gioventù, dalle organizzazioni che si battono per la chiusura dei Cie, per il diritto di asilo.
Se alla peggiore Italia possibile disturba tanto il diritto di cittadinanza per nascita, l’accoglienza ai profughi, suggerisco di prendere esempio dalla Federazione di Hockey su Prato. Invece che profughi, immigrati, richiedenti asilo, siano dichiarati atleti. Perché lo sono: hanno superato di corsa ogni ostacolo, saltatori in lungo e in largo tra le macerie delle loro case, schivatori di proiettili, lanciatori di fagotti al volo su mezzi di fortuna, di figli da una casa in fiamme, maratoneti di deserti, tuffatori di naufragi, scalatori di gabbie di tonni, olimpionici della resistenza a tutte le intemperie, le nostre comprese.
Abbiamo amato Chaplin e Chisciotte, i viaggi di Enea, Sindbad, Ulisse, cosa ci trattiene dall'accogliere a riva con la fanfara e il pane i loro nipotini eroici e desolati?

mercoledì 2 ottobre 2013

Tutti gioiscono, ma questo Governo fa più schifo di prima

Da ControLaCrisi
Intervento di Giorgio Cremaschi

Questo governo fa ancora più schifo di quello che l'ha preceduto. I ministri sono gli stessi, i voti che riceve per la fiducia pure, ma è tutto ancora più sfacciato.
Prima il governo Letta dichiarava di esistere per stato di necessità, per costrizione parlamentare. Ora rinasce nella convinzione euforica del PD e dei transfughi del PDL, e anche nella frustrata e velenosa reazione di Silvio Berlusconi al destino giudiziario che lo attende.
Tutto il palazzo gioisce, Corriere e La Repubblica, Confindustria e CGIL CISL UIL , conferenza episcopale e Borsa hanno il governo vero che chiedevano.
Naturalmente contento è il governo tedesco dell'Europa, che ha spinto come non mai per questo sbocco, trovando nuovi statisti di riferimento nel ministro delle leggi per la precarietà Sacconi, nell'uomo della sanità lombarda Formigoni, nel ministro dell'Interno Alfano che porta gli alpini dall'Afghanistan alla Valle Susa, e in tanti altri democratici modello, tra cui il noto omofobo Giovanardi.
Questa è la nuova maggioranza che l'Europa vuole senza vergognarsene, anzi ben felice di una classe dirigente che tanto più sarà di questo spessore, tanto più sarà supina di fronte ai diktat della Troika. Che infatti Letta ha subito riverito: tranquilli, paghiamo tutto e di più.
Da più di due anni siamo commissariati e le classi dirigenti PD-PDL, come i ladri di Pisa, litigano di giorno e si accordano di notte per obbedire alle banche e alla finanza.
Da due anni ci dicono che vediamo la luce in fondo al tunnel del massacro sociale, mentre la maggioranza della popolazione precipita nel buio della distruzione del lavoro e dei redditi, dei diritti e del futuro.
Ma le larghe intese prosperano nonostante il degrado che producono, perché sono promosse e tutelate da un Presidente della Repubblica che sta accumulando responsabilità storiche per la degenerazione della nostra democrazia.
Adesso si vanteranno di non aver ceduto ai ricatti di Berlusconi, di cui evidentemente ignoravano tutto quando ci si son messi assieme al governo. E poi continueranno così, tutti chiacchiere e austerità, perché così vuole l'Europa, perché saranno anche diversamente berlusconiani, ma soprattutto veri democristiani.
Per cominciare davvero ad uscire da questo pantano paralizzante bisogna far sì che Berlusconi vada ai domiciliari e tutta questa classe dirigente a casa. Con buona pace dell'Europa dei Barroso e Quagliarella.

sabato 28 settembre 2013

Consiglio comunale del 26/09/2013


Spettatori presenti: quattro



La maggioranza era presente con soli otto Consiglieri, quindi non è stata in grado di garantire il numero legale per lo svolgimento del Consiglio comunale il cui ordine del giorno prevedeva la ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e la verifica della salvaguardia degli equilibri di bilancio che è un adempimento obbligatorio. 
Solo il senso di responsabilità dei Consiglieri di minoranza ha garantito lo svolgimento del Consiglio comunale.

Non ci sono state comunicazioni del Sindaco e i verbali della seduta del 01 agosto 2013 sono stati approvati all'unanimità.

Il punto due ha riguardato la comunicazione al Consiglio comunale del prelievo sul fondo di riserva effettuato con delibera di Giunta municipale n. 120 del 13/08/2013.

Ci siamo astenuti sulla ratifica della delibera di Giunta municipale n. 128 del 05/09/2013 che riguardava una variazione di bilancio.
Da sottolineare l'aumento del capitolo relativo alle spese legali...

Il quarto punto riguardante la lettera di patronage non impegnativa a favore della Multiservizi S.p.A. per la modica del contratto di finanziamento del 24/03/2013 è stato ritirato per la seconda volta.

Sulla ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e la verifica della salvaguardia degli equilibri di bilancio per l'esercizio finanziario 2013 (Art. 193 D.Lgs. n. 267/2000) ci siamo astenuti in quanto lo riteniamo un atto di gestione di cui la maggioranza deve assumersi la responsabilità e comunque non ha evidenziato particolari problematicità.

I punti numero 5 - Revoca della deliberazione consiliare n. 12 del 08/04/2013 "Recesso unilaterale dall'Unione dei Comuni bdi Agugliano, Camerata Picena, Offagna, Polverigi e Santa Maria Nuova" - e numero 6 - Approvazione del nuovo statuto dell'Unione dei Comuni di Agugliano, Camerata Picena e Polverigi (ancora non si capisce se è nuova o la forma ridotta della precedente) sono stati ritirati.
In particolare il punto 6 non ha avuto il necessario parere della Commissione consiliare e il testo, che non è stato ancora approvato ha già bisogno di alcune modifiche.

Sono stati approvati all'unanimità i punti numero 8 - Approvazione definitiva della variante non essenziale alla scheda d'ambito IP 11 (ex Fornace) - e numero 9 - Approvazione definitiva dell'individuazione zona di recupero ai sensi della legge n. 457/1978 nell'area di proprietà del Sig. Glorio Giuseppe e variante per la classificazione area di pertinenza ai sensi dell'art. 33 bis delle N.T.A. del P.R.G. - entrambi già esaminati dal Consiglio comunale in precedenti sedute.

L'ultimo punto, cioè la variante puntuale al P.R.G. in località Molino-La Chiusa è stato ritirato in quanto non è ancora pervenuto il parere della Provincia di Ancona.