martedì 2 dicembre 2008

Consiglio comunale del 27 novembre 2008


Spettatori presenti: nessuno.


Le comunicazioni del Sindaco hanno riguardato essenzialmente il documento programmatico della Società “Agugliano Servizi S.r.l.” con il quale la società adempie all’art. 14, comma 3, lettera c) dello statuto societario e “informa” il Consiglio su quanto ha fatto e quanto intende fare.
Essendo questo l’unico momento in cui il Consiglio comunale ha notizie sull’operato della Società, abbiamo a suo tempo contestato il fatto che l’argomento venga inserito tra le comunicazioni del Sindaco e non sia invece un punto dell’ordine del giorno sottoposto a discussione.
Il risultato è che continua ad essere inserito come comunicazione del Sindaco...
Altre comunicazioni hanno riguardato l’organizzazione di una mostra di abiti da sposa per “rinfocolare la cultura del paese” (testuali parole del Sindaco) e la costituzione di un non meglio specificato Centro studi su Agugliano e Castel d’Emilio.
Un altro argomento delle comunicazioni è stato il nostro “notiziario” (passatemi il termine) “La Bocca della Verità”. Il Sindaco ha espresso il suo non gradimento sugli articoli pubblicati, lamentandosi in particolare dell’ordine del giorno su prezzi e tariffe. Cosa possiamo dire?
Siamo molto spiacenti che i nostri articoli non gli siamo piaciuti. Magari la prossima volta, prima di pubblicarli glieli facciamo leggere e gli chiediamo se vanno bene…
Il secondo e il terzo punto hanno riguardato rispettivamente l’approvazione dei verbali della seduta del 30 settembre e del 28 ottobre sui quali non ci sono state osservazioni.
Il punto successivo è stata l’approvazione dell’assestamento generale del bilancio di previsione per l’anno 2008 sul quale non siamo entrati nel merito, essendo un passaggio essenzialmente tecnico con il quale si sistemano i capitoli di entrata ed uscita in previsione della chiusura dell’anno.
Il quinto ed ultimo punto ha riguardato l’approvazione di un ordine del giorno suila tutela delle sorgenti di Gorgovivo sul quale abbiamo votato a favore chiedendo che il Comune di Agugliano si esprima con un prossimo ordine del giorno anche in favore del mantenimento pubblico del servizio idrico ritenendo questo un bene comune di primaria importanza.
Ricordando che è possibile leggere le deliberazioni di Giunta e di Consiglio sul sito del Comune (http://www.tecut2.it/agugliano/) alla sezione “Le Delibere”, come sempre il Gruppo consiliare “A Sinistra” è a disposizione, anche via e-mail (Franca Bassani), di chi volesse maggiori informazioni.

15 commenti:

zefirina ha detto...

ma come spettatori presenti nessuno???

Franca ha detto...

@ Zefirina:

Zefi, questo è il livello di partecipazione alla vita politica.
Poi ci lamentiamo di quello che succede...

articolo21 ha detto...

Le tue relazioni cominciano sempre con questi deprimenti "spettatori:uno" o "Spettatori: nessuno". E' terribile questa cosa.

l'incarcerato ha detto...

Nessuno...se questa è il livello di partecipazione politica mi sa che comincio a rivedere pure la democrazia partecipativa, ho una paura cane che in questo periodo la gente se ne strafrega proprio.

ps la prossima volta scrivete degli articoli leggeri e la sciatelo stare il vostro povero sindaco!

Lara ha detto...

Ciao Franca :)

Il discorso degli "spettatori" purtroppo credo sia dilagante.
Per lo meno, anche nel mio Comune hanno provato di tutto (assemblee all'aperto,in un campetto, con parco giochi per bimbi vicino, procedure simili in tutte le frazioni del comune) Non ci va nessuno.
Ha ragione l'incarcerato, la gente ritiene di avere di meglio da fare, poi facilmente si lamenta, ma con chi non può farci niente e forse solo per il gusto di lamentarsi.

flo ha detto...

Credo che non sia l'unico sindaco a non gradire la "Bocca della Verità" ...

ps: però sul serio, è grave che non ci siano mai spettatori al consiglio.

Romina ha detto...

"Spettatori nessuno" è molto deprimente. E sembra un trend destinato a non mutare.

Melina2811 ha detto...

Non conosco le problematiche del vostro comune, ma credo che il tuo blog sia molto utile per chiunque è in esso residente. Maria

Saretta ha detto...

mutera, sono sıcura che mutera... basta dare tempo aı gıovını come me... sono sıcura che sı passera da 0 a 10 a 20! abbıate pazıenza... e fıducıa.

Tisbe ha detto...

E' difficile commentare. Innanzi tutto, temo che la crisi la paghino sempre le persone sbagliate: qui non c'è l'etica della peste di Manzoni! Riguardo gli spettatori, purtroppo, ho imparato che gli italiani amano coltivare il proprio orticello e si ricordano degli altri solo quando tocca anche a loro...
No comment

Pino Amoruso ha detto...

L'assenza degli spettatori caratterizza gran parte delle sedute dei consigli comunali in Italia; è purtroppo un fenomeno generalizzato. C'è da dire che spesso ci si mettono anche gli eletti che fanno passare la voglia. Esempio comune in cui abito (Pioltello); ultimo consiglio comunale unico consigliere di IDV lascia la maggioranza e va all'opposizione non ha torto a mio parere in seguito a rimpasto effettuato dal sindaco PD che toglie la delega al vicesindaco IDV (primo eletto in consiglio comunale, ha ottenuto più voti di tutti), dopo aver stretto alleanza con il gruppo dei Socialisti (dandogli un assessorato) che alle ultime elezioni non lo avevano appoggiato andando da soli. Ecco vedendo questi rimpasti, questa "politica" fatta di accordi e spartizioni di posti e di cariche disinteressandosi delle esigenze dei cittadini, è logico che le sedute siano senza spettatori...
Buona gornata ;)

pansy ha detto...

Ciao Franca. Passo per un saluto... ti auguro buona giornata!

Segni di Tempesta ha detto...

Ciao Franca,l'ho spedito anche a Maria.Scusami l’ot,ma dovevo proprio.
Berlusconi oggi ne ha detta una orrenda (in blog) sulle donne,orrenda perchè apparentemente inoffensiva ,come solo lui sa fare.
Tu che hai tanti contatti con siti e associazioni di donne ,che ne pensi?Ciao

@enio ha detto...

il servizio idrico è di vitale importanza per un comune che si rispetti, privatizzarlo comne abbiamo fatto noi in Abruzzo è un guaio: primo perchè per quattro anni non hanno fatte le analisi o almeno quelle voci che dovevano controllare e hanno dato da bere ai cittadini acqua inquinata.Secondo, il prezzo della potabile era raddoppiato e il servizio era enormemente scaduto tanto da doverne sospendere l'erogazione, d'estate, dalle 22 alle 6 del mattino.Adesso il comune ha richiesto la gestione dell'acqua ma deve pagare, per un anno, un frecaccio di soldi.Occhio, privatizzare alcune volte e fottersi ( tagliarsi i coglioni )

Elfoalquadrato ha detto...

ciao, sono Ettore Gallo, bel blog, davvero... Passa dal mio (ettore94.blogspot.com