giovedì 1 ottobre 2009

Europa, la sinistra smarrita

Paolo Flores d'Arcais - da "Il Fatto Quotidiano" - 29 settembre 2009

Il Partito socialdemocratico tedesco ha subito domenica un vero e proprio tracollo. Commentatori e politici fingono di interrogarsi sul “perché?”, e allargano pensosamente l’orizzonte al declino dei partiti di “sinistra” in atto da tempo nell’intera Europa. Fingono, perché mai spiegazione fu più lapalissiana e sotto gli occhi di tutti. La “sinistra” perde in Europa, puntualmente e sistematicamente, perché da tempo ha smesso di essere di sinistra. Da tempo ha smesso di fare della eguaglianza la sua bandiera, la sua bussola, la sua strategia. E dire che la realtà economica e sociale non fa che offrire alimento ad una battaglia sempre più sacrosanta e doverosa per ogni persona minimamente civile: una generazione fa la distanza, nella stessa azienda, fra il reddito di un operaio e quello del super-manager poteva essere di 1:30, 1:40 (una enormità). Oggi tocca tranquillamente la cifra, esorbitante e mostruosa, di uno a trecento o quattrocento. Ma ci sono casi non rari in cui viene superato il rapporto uno a mille.

La sinistra, intesa come socialdemocrazia, si sta avvitando in un declino rapido e galoppante perché è sempre più indistinguibile dalla destra, questa è l’ovvia verità. E dovendo scegliere tra due destre, una dichiarata coerente e orgogliosa dei suoi “valori”, l’altra titubante e ipocrita, che qui lo dice e qui lo nega, l’elettore reazionario o il mitico “moderato” che sogna un futuro di privilegio, sceglierà ovviamente la prima, mentre l’elettore democratico finirà per restare a casa – dopo due o tre “ultime volte” in cui ha volenterosamente votato tappandosi il naso. Eppure i commenti di tutti i dirigenti del Partito democratico ai risultati delle elezioni tedesche non fanno che ripetere la giaculatoria d’ordinanza: attenti a non ascoltare le sirene estremiste (sarebbe Lafontaine!), non dobbiamo rinunciare alla “cultura di governo”, l’unica anzi che alla lunga ci farà vincere (“nel lungo periodo saremo tutti morti” ammoniva il grande Keynes. Anche lui estremista, evidentemente).

Giaculatoria masochista, con la quale la “sinistra” non vincerà mai più, ma giaculatoria obbligata, perché ammanta di nobiltà (“cultura di governo”) la realtà mediocre e spesso sordida di una nomenklatura (nazionale e locale) totalmente succube dell’establishment e pronta a difenderne gli interessi, garantirne i privilegi e financo soddisfarne i capricci – e soprattutto le illegalità - anziché riequilibrare radicalmente redditi e potere a vantaggio dei meno abbienti.
Perché non è affatto vero che in Europa la sinistra sia sconfitta, e non è stato vero neppure in Germania domenica scorsa. I voti di Spd, Die Linke, Verdi e “Pirati” equivalgono e forse superano la somma dei suffragi cristiano-democratici e liberali. L’elettorato per un’alternativa alla signora Merkel ci sarebbe, insomma. E in Francia è bastato che Dany Cohn-Bendit inventasse un nuovo e credibile partito ecologista per ottenere alle europee un risultato equivalente a quello del declinante Partito socialista.

Perché dunque i partiti socialdemocratici perseverano nella politica diabolica che li sta portando all’estinzione, anziché mettersi a disposizione delle istanze di “giustizia e libertà” che percorrono massicciamente le società civili della vecchia Europa? Perché non colgono l’occasione di una crisi drammatica, colpevolmente prodotta dai padroni della finanza e governi complici, per guidare le masse nell’imporre all’avidità sfrenata e inefficiente delle classi dirigenti un sacrosanto redde rationem?

Perché hanno smesso da tempo di “rappresentare” forze popolari, e istanze di critica ai privilegi (sempre più smisurati) e all’establishment. Perché di quell’establishment sono parte integrante, benché subalterna, perché aspirano solo a partecipare alla torta di quei privilegi, anziché a sostituirvi un agape più fraterno. Perché sono casta, partitocrazia autoreferenziale, e di conseguenza strutturalmente incapaci di indicare nei nemici dell’eguaglianza i propri nemici. Ma senza indicarli, senza proporre misure che colpiscano i finanzieri della speculazione, e gli imprenditori che “delocalizzano” (cioè licenziano in patria per iper-sfruttare con profitti iperbolici nei paesi più poveri), e il dilagare dell’intreccio corruttivo-politico-criminale (le mafie ormai impazzano, dagli Urali alla penisola iberica), senza rilanciare il welfare tassando i più ricchi, la socialdemocrazia non solo non fa più politica ma è ormai morta.

Si tratta di seppellirla al più presto nella consapevolezza degli elettori, perché lo zombie di quella che fu una sinistra è oggi l’ostacolo maggiore alla nascita di nuove organizzazioni di “giustizia e libertà”.
Tentare di riformare le socialdemocrazie è una perdita di tempo. Cercare di “superarle” in una sintesi con pulsioni e illusioni “centriste” è ancora peggio, una dissipazione di energie democratiche e di passione civile. Le lezione ripetuta e convergente che da anni viene dalle urne elettorali in Europa dice invece che è maturo il momento per dare al bricolage politico dei movimenti di opinione una forma organizzativa, autonoma dai partiti, capace di non riprodurne i difetti e le derive di omologazione. Tanto più in Italia, dove sponde ecologiste o alla “die Linke” sono state cancellate definitivamente dalla corriva nullità dei gruppi dirigenti.

9 commenti:

tommi ha detto...

"E in Francia è bastato che Dany Cohn-Bendit inventasse un nuovo e credibile partito ecologista per ottenere alle europee un risultato equivalente a quello del declinante Partito socialista."

è quello che manca in italia. un partito fuori dal coro, contemporaneo, magari anche con idee di sinistra ma che non ponga i principi davanti alle necessità del popolo. ovunque cresce la voglia di vivere bene, vivere sano. in italia abbiamo legambiente, lifegate e migliaia di altre associazioni ma non un partito in grado di rappresentare queste voci. i vecchi partiti della sinistra dovrebbero capirlo e far posto al nuovo che avanza. i vecchi attaccati al passato votano DC e non PC.

Crocco1830 ha detto...

Spesso Paolo Flores d'Arcais coglie nel segno, come anche questa volta. Le politiche socialdemocratiche hanno fallito ed è un esercizio inutile tentare di rinnovarle. In Europa c'è più voglia di sinistra di quello che sembra. Ed è ora di ritentare la strada di una vera e propria sinistra.

articolo21 ha detto...

"E in Francia è bastato che Dany Cohn-Bendit inventasse un nuovo e credibile partito ecologista per ottenere alle europee un risultato equivalente a quello del declinante Partito socialista". In Italia non siamo capaci a costruire un partito ambientalista credibile, nè un partito socialista. Credo che l'esperienza Prodi abbia minato molte certezze. E la sola opposizione al Cavaliere non genera idee, ma solo riflessi. Per questo la sinistra, gran parte della sinistrra, è ferma ai blocchi. Urlare non basta. Ci vogliono programmi, ci vogliono uomini, ci vuole la sostanza e anche la costituzione di movimenti più "leggeri" (non nel senso della superficialità, naturalmente). La società cambia in modo impressionante e sempre più velocemente. La sinistra ed il centrosinistra sono pervase da lentzza, da parole d'ordine che non convincono più. In Europa i risultati, anche a sinistra (perchè non tutta la sinistra perde), sono tutti dalla parte di chi ha capito queste esigenze.

Alessandro Tauro ha detto...

Condivido in pieno.
L'Italia è forse l'unico paese europeo (a parte il Regno Unito) che non si è dimostrato in grado di garantire un certo successo alle forze alternative a quelle socialdemocratiche (vuoi verdi, vuoi sinistra).

Le responsabilità sono tante. Possiamo partire dalla scarsa inclinazione del popolo italiano a mettere in discussione il proprio voto o la capacità di "azzardare" politicamente parlando che hanno invece altri paesi (Germania, Francia, Portogallo, Grecia, Spagna in primis). E possiamo arrivare alla miopia, alla zoppia dei gruppi dirigenti delle forze alternative, in grado di perdere più tempo nella scelta delle strutture organizzative, sui nomi, sui simboli e sulle candidature dall'alto, che sulla presentazione di programmi politici realmente innovativi.

L'informazione che abbiamo in questo paese poi certifica definitivamente questa impossibilità di cambiare.
In Italia Ferrero, Vendola o chicchessia (o ancora meglio le relative proposte politiche) hanno la stessa visibilità che in Germania hanno Lafontaine e la Linke? (e non parlo solo di TV)

Anonimo ha detto...

300 MILIARDI DI EURO torneranno in Italia protetti dallo scudo fiscale di Tremorti. Lo Stato incasserà il 5% per il condono. Soldi di cui non si sa nulla, con tutta probabilità mai tassati. Di chi sono questi capitali? Conoscete qualche operaio, impiegato, elettricista, meccanico, parrucchiere con decine di milioni in qualche paradiso fiscale? Insomma, conoscete qualche LAVORATORE che godrà dello scudo di Tremorti? Chi paga le tasse al 15/27/35/50% ha diritto di sapere nomi e cognomi degli esportatori di capitali e le origini del malloppo. Vogliamo la lista pubblicata sui giornali per legge, altro che impunità e anonimato.
Tremorti ha affermato: "Non credo che la criminalità si servirà di questo strumento. I capitali criminali o sono in Italia perfettamente sbiancati o continueranno la loro attività all'estero". NON CREDO? Un ministro dell'Economia che non crede che su 300 miliardi vi siano capitali mafiosi, di bancarottieri, di evasori totali, frutto del riciclaggio, denaro sporco? Ma chi crede di prendere per il culo? Questo condono di Stato è, fino a prova contraria, un condono alle mafie.
Franceschini Boccon del Prete ha detto in Parlamento che lo scudo fiscale è: "uno schiaffo in faccia a tutti gli italiani che pagano onestamente le tasse". Dalle parole ai fatti. La cosiddetta opposizione, su proposta dell'Italia dei Valori, ha chiesto il voto alla Camera per l'incostituzionalità dello scudo fiscale. Se i 280 deputati di PD, IDV e UDC fossero stati presenti lo Scudo Tremorti sarebbe stato bocciato. Ma erano al bar, al ristorante, forse ad Arcore per pubblicare un libro con Mondadori o farsi intervistare in prima serata su Canale 5. Forse a puttane con Testa d'Asfalto. Forse in gita con Tarantini. Ovunque, ma non in aula. 59 deputati del PDmenoelle non c'erano, insieme a otto dell'UDC e due dell'IDV. Del PDmenoelle erano assenti i due campioni delle Primarie Franceschini e Bersani, insieme a D'Alema, il miglior amico dello psiconano. Questa è la "durissima opposizione". Con questi figuranti, sodali e complici lo psiconano durerà anche dopo la sua imbalsamazione. E' l'opposizione che fa il governo porco. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Dal blog di Grillo
Per i 'compagni' distratti: VERGOGNA!

Alzata con pugno ha detto...

La sinistra, non solo in italia, ha abbandonato da un bel po' di tempo la sua vena sociale, la vena importante, quella dell'uguaglianza, quella della solidarietà, quella che non ammette moderatismo.

chit ha detto...

Il cercare compromessi a prescindere su tutto e con tutti alla fine l'ha snaturata. E' ora che si riappropri dei propri valori che se l'hanno portata fino a qualche anno fa, magari rivisitati e smussati ma sarnno pur validi per i prossimi anni no?! ;-)

Romina ha detto...

Finalmente qualcuno che ha scritto la verità in maniera chiara! La sinistra perde perché non svolge il suo compito, cioè "non fa" la sinistra.
Che poi ciò non interessi ai dirigenti e ai massimi esponenti del centrosinistra è un dato visibile almeno per chi lo voglia cogliere. Sono convinta che se facessero davvero il loro dovere acquisterebbero voti.

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e