domenica 19 aprile 2009

La democrazia non è mai un costo

Scorporate quel referendum. La democrazia non è mai un costo

di Claudio Grassi su Liberazione del 16 aprile 2009

Dalla necessità di reperire risorse per la ricostruzione delle aree devastate dal terremoto abruzzese viene da più parti desunta l’esigenza di accorpare le elezioni europee e amministrative al referendum sulla legge elettorale. E’ chiaramente un pretesto che non fa onore a chi lo sostiene e dietro il quale si celano ben precise finalità politiche. D’altra parte proprio chi propone di accorpare il referendum alle elezioni europee, sta votando in Parlamento l’acquisto degli aerei da guerra F-35 per i quali si spenderanno ben 14,5 miliardi di euro nei prossimi anni. Sono queste le spese inutili e allo stesso tempo esorbitanti che andrebbero immediatamente destinate alla riparazione dei danni nel territorio aquilano. Ma, al di là di queste considerazioni, il punto è l’ulteriore vulnus alla già malandata democrazia italiana che deriverebbe dall’eventuale vittoria del referendum.
I promotori del referendum si sono assunti la grave responsabilità di attentare alla vita democratica del Paese, operando affinché una lista elettorale possa aggiudicarsi il 55% dei seggi in parlamento con l’unica condizione di prendere un solo voto in più delle altre, anche se il suo consenso elettorale dovesse essere molto al di sotto della maggioranza assoluta degli elettori. Per intenderci, il Pdl potrebbe governare autocraticamente il Paese con il solo 40% dei voti con il quale viene accreditato nei sondaggi più recenti. Anzi, stando al progetto referendario, gli basterebbe il 25%, considerato il crollo di consensi subito dal Pd. È sufficiente questa considerazione per legittimare l’analogia tra questo progetto e la famigerata legge Acerbo, voluta da Mussolini, che assegnava i due terzi del Parlamento al partito di maggioranza relativa.
Ma non è solo questo. Il modello bipartitico americano, quello che ha recentemente ispirato le scelte del Partito democratico (quelle medesime scelte che hanno condotto la sinistra e lo stesso centro sinistra al livello più basso nella storia repubblicana), torna ad essere indicato come un utile obiettivo da perseguire. Berlusconi, anche se non potrà riconoscerlo pubblicamente, in cuor suo non cesserà mai di ringraziare i vertici del Partito democratico, i quali insistono nell’assecondare ogni disegno politico volto ad assicurargli il saldo controllo del potere. Non a caso il Presidente del Consiglio, nel prendere in seria considerazione le richieste del comitato promotore, ossia di indire il referendum negli stessi giorni in cui si svolgeranno le elezioni europee, accetta persino di mettere in fibrillazione la propria maggioranza e lo stesso Governo.
L’involuzione culturale cui assistiamo ormai da tempo nel panorama politico italiano potrebbe subire un ulteriore peggioramento qualora le modifiche alla legge elettorale contenute nel referendum venissero approvate. Nel volgere di pochi anni siamo passati da un sistema elettorale proporzionale a un sistema maggioritario, il quale ha di fatto introdotto il bipolarismo. Ora, con l’avallo del Pd, dal bipolarismo si vorrebbe giungere al bipartitismo. Viene da chiedersi quanto tempo ancora bisognerà attendere prima di sentire evocare l’utilità del partito unico.
Innanzi a una riforma di tale portata, dunque, non può essere accettata alcuna speculazione sul dramma dei cittadini abruzzesi. La democrazia non è mai un costo. Tanto più sono inaccettabili riforme che a parole vorrebbero ridurre i costi della politica ma che in sostanza produrrebbero solo un ridimensionamento (e in questo caso specifico si tratterebbe di un vero e proprio annullamento) del pluralismo nella rappresentanza politica.
Il senso di sfiducia nei confronti delle istituzioni che cova da tempo nella popolazione italiana sarebbe certamente alimentato qualora i cittadini fossero forzatamente indotti a scegliere fra due opzioni politico-programmatiche pressoché identiche. Non va dimenticato che il modello americano richiama al voto meno della metà degli aventi diritto e, pertanto, non può essere considerato un bell’esempio di democrazia. Una vera democrazia, al contrario, deve avvertire l’importanza della partecipazione di ogni singolo cittadino alla vita politica del Paese. Il referendum in questione va in tutt’altra direzione, verso l’accentramento del potere nelle mani di pochi, per giunta in una fase in cui non mancano proposte tese ad accentuare le prerogative del Capo del Governo ed a sottomettere a quest’ultimo tanto il potere legislativo quanto quello giudiziario.
Per questi motivi è indispensabile evitare che una simile riforma elettorale possa essere approvata in maniera furbesca come vorrebbero, oltre al comitato promotore, sia il Pd che il Pdl. Non si è mai verificato sino ad oggi che un referendum si sia svolto contemporaneamente alle elezioni europee o alle elezioni politiche garantendo il raggiungimento del quorum, che sarebbe invece assai improbabile qualora gli italiani fossero chiamati ad esprimersi unicamente su una riforma elettorale scellerata quale quella proposta da Segni e Guzzetta.

19 commenti:

tommi ha detto...

Il merito del referendum non è un buon modo per boicottarlo scorporandolo dalle amministrative solo per paura che raggiunga il quorum. oltretutto quelle centinaia di milioni che si risparmierebbero, di certo non ci farebbero male visti i diversi problemi che stiamo attraversando. come disse qualcuno, non sono d'accordo con quello che dici ma difenderò strenuamente la tua libertà di dirlo.

tommi ha detto...

Errore: "il merito del referendum non è un buon motivo" non modo.

l'incarcerato ha detto...

Condivido, come ben sai visto che ne ho parlato, questo articolo. Tommi, in realtà nessuno vuole toccarlo, sono gli altri che vogliono spostarlo in concomitanza alle europee. Io la vedo diversamente
: toccano il referndum perchè hanno paura del non raggiungimento del quorum. E dei soldi a loro non gliene importa un fico secco. Perchè col cavolo hanno fatto grandi battaglie contro la TAV o altre grandi opere inutili e costosissime. Anzi l'hanno appoggiate.

QUindi ripeto, la loro iniziativa è puro sciacallaggio politico perchè hanno cavalcato l'onda spontanea della solidarietà per le vittime del terremoto.

zefirina ha detto...

ho paura che se andassimo adesso alle elezioni il pdl prenderebbe una marea di voti, ma ve ne accorgete di quante persone "comuni" sorridano alle battute infelici del premier, di quanto riesca a intortarli con falsi luccichii, e per la serie corsi e ricorsi storici fra unpo' accentrerà ancor più il potere nelle sue mani, vedrete che bella dittatura "democartica" che ci aspetta

Pino Amoruso ha detto...

Quoto in toto "l'incarcerato"...

flo ha detto...

Praticamente il miglior alleato del premier è proprio il Pd!
Comunque, un interessante valutazione sul referendum, in effetti accorpandolo alle politiche il quorum sarabbe automaticamente raggiunto o quasi, mentre personalmente mi auguro che non sia così o che vinca il no. A questo punto però non mi spiego come mai la Lega insista per scorporarlo.

Lara ha detto...

Anch'io mi sono posta la stessa domanda di Flo: perché la Lega intenda scorporare il referendum dalle elezioni...

flo ha detto...

Mi correggo (e adesso mi spiego tutto), sono contraria all'abrogazione delle norme quindi favorevole alla vittoria del sì!

flo ha detto...

Franca, vista la confusione sui quesiti e sugli effetti del sì e soprattutto sul quorum, potresti approfondire la questione?

Franca ha detto...

@ Flo:Siccome sia il PdL sia il Pd vogliono cambiare la norma ed assegnare il premio di maggioranza al primo partito e non più alla coalizione, l'unica speranza è che il referendum non raggiunga il quorum.

Se passasse una legge come questa, un partito che avesse la maggioranza relativa anche per un solo voto, potrebbe governare da solo!

Oggi col Pd dato al 25% a Berlusconi basterebbe una percentuale appena sopra per avere la maggioranza assoluta in Parlamento.
In pratica tutti i partiti meno i primi due sarebbero, di fatto, spazzati via.

E questa la chiamiamo democrazia...

flo ha detto...

"Siccome sia il PdL sia il Pd vogliono cambiare la norma ed assegnare il premio di maggioranza al primo partito e non più alla coalizione, l'unica speranza è che il referendum non raggiunga il quorum".

Come pensavo inizialmente, poi mi sono molto confusa leggendo il sito del referendum elettorale (invece di chiarire le idee!), quindi la Lega spera nel mancato raggiungimento del quorum perchè sarebbe inghiottita completamente dal Pdl, giusto?

La democrazia dovrebbe rappresentare il multi-pensiero, invece qui si tende sempre più all'uni-pensiero.

Grazie Franca, buona giornata!

Lara ha detto...

Nell'ipotesi che io non mi presenti al referendum, la mia non risposta gioverebbe o no, Franca?

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER FRANCA: grazie per aver fatto chiarezza sul senso del referendum. Le idee al riguardo erano molto confuse ed io stesso non ero così sicuro di aver inteso bene la portata dello stesso.

Alessandro Tauro ha detto...

Condivido.
Comprendo i tanti cittadini che in buonissima fede sostengono l'accorpamento e per una linea di principio posso essere anche d'accordo.
Certo, sostenere l'accorpamento con l'alibi dell'Abruzzo quando, per l'appunto, dal ponte ai nuovi caccia aerei, dalla tassazione delle rendite all'aumento delle spese militari all'estero, si troverebbero valanghe di miliardi di euro che in confronto il referendum sembrerebbe un'elemosina, non fa certo onore ai promotori.

Per quanto riguarda i 3 quesiti referendari invece c'è poco da dire: niente più e niente meno che una riedizione da 21° secolo della famigerata Legge Acerbo. Cambia la percentuale del premio di maggioranza, ma il sistema è lo stesso, così come i danni che può provocare.

guccia ha detto...

Completamente d'accordo, non smetto di schifirmi per questa strumentalizzazione politica becera.
L'unica arma che abbiamo pare sia l'astensionismo attivo. Bisogna rimboccarsi le maniche e informare il più possibile.

Crocco1830 ha detto...

Sono d'accordo su ogni parola.

chit ha detto...

Non so quanto volutamente o con coscienza ma questa volta penso proprio la Lega abbia fatto la cosa giusta per la democrazia.

Radames ha detto...

La democrazia evolve fra alti ideali ma soprattutto opportunismi politici. Prendere consapevolezza di ciò ci lascia più sereni, forse.

Romina ha detto...

Zefirina ha scritto la pura verità.