sabato 21 febbraio 2009

Sulle ronde...

Ai direttori di network e quotidiani, ai giornalisti e, per conoscenza,
agli attivisti e ad alcune personalità politiche e religiose

Due anni fa la mia amica Tamara Deuel, sopravvissuta all'Olocausto in Lituania, mi disse: "Roberto, quello che sta accadendo al popolo Rom in Italia mi ricorda gli eventi che portarono allo sterminio degli ebrei in Lituania e in tutta Europa.
Si comincia con un diffuso senso di intolleranza, si prosegue con l'attribuzione alle minoranze di ogni genere di crimine, si finisce con le ronde e con l'annientamento".
Siamo arrivati alle ronde ed è importante ricordare che anche le "innocue" Milizie fasciste, le Croci Frecciate, le ronde ausiliarie alle milizie "Sturm Abteilungen" nacquero con mere funzioni di controllo, disarmate e composte per la maggior parte da ex agenti di forza pubblica o ex militari di carriera.
Ieri a Sesto San Giovanni, vicino a Milano, prova generale delle "ronde padane", che hanno insultato e maltrattato bambini, donne e uomini Rom prima di chiamare la polizia, che è accorsa a sgomberare venticinque famiglie in condizioni di salute penose, già provate da lutti, aggressioni, violenze e ingiustizie di ogni genere.
Il 18 febbraio a Pisa, a Roma e a Sassari, il 19 a Sacrofano, Torino e Milano abbiamo avuto un saggio dell'efficienza delle "ronde", che hanno incendiato, bastonato, sprangato, sfregiato, ferito, offeso, insultato.
Niente di diverso da quello che la Storia del Novecento ci ha tramandato, niente di diverso da quello contro cui i testimoni della Shoah ci ammoniscono.

Roberto Malini - Gruppo EveryOne

18 commenti:

tommi ha detto...

ma è tutto vero riguardo le azioni compiute? esattamente quali sono i poteri assegnati a queste ronde?
in ogni caso questo articolo ti fa gelare il sangue nelle vene.

Pietro ha detto...

Speriamo di no. Speriamo questi siano solo degli ignoranti, non cattivi...

Rouge ha detto...

Concordo e ho una domanda, anzi due: ma è davvero così poco evidente l'obiettivo che hanno? E' davvero così poco evidente che questo è da un anno a tutti gli effetti un inizio di regime?
Io non posso crederci.

Lara ha detto...

Tutto quanto sta accadendo è tremendo, allucinante. E chi sta a questo orribile gioco non può essere solo ignorante, ma pieno di odio.
Scusami Pietro, ma non posso credere che la sola ignoranza porti alla violenza.
Ciao a tutti.

Alessandro Tauro ha detto...

A me quello che mi preoccupa di tutto questo non è nemmeno il terribile e scellerato provvedimento in sé. E' il modo in cui il popolo italiano lo sta accettando di buon grado.
Hanno fatto un grande lavoro di informazione. Hanno creato ad arte una psicosi oramai inattaccabile ed incrollabile contro lo straniero (più che contro lo stupratore) e con un bombardamento informativo di questo tipo, sono riusciti a far accettare soluzioni folli e scriteriate alla gran parte del popolo italiano.

Ed è proprio vero, non è diversa dalla psicosi "sicurezza" che il governo italiano creò più di 80 anni fa, grazie alla quale si istituì quel corpo di vigilanza privo di armi da fuoco che prendeva il nome di "camicie nere".
E anche allora il silenzio assenso era una caratteristica fondante.

stellavale ha detto...

Non ci sto a vivere in un paese sempre più razzista.

Chiara Milanesi ha detto...

Temo più di tutto il silenzio assenso che circonda queste ronde!

Andrew ha detto...

Franca la sicurezza dei cittadini deve essere garantita dallo stato, a che servono le ronde?
buon inizio settimana

flo ha detto...

Visto come hanno bastonato Fini per aver detto che immigrazione e criminalità è un binomio sbagliato, mi sembra più che evidente quello che stanno facendo... la loro politica è tutta imperniata sulla presunta sicurezza, anzi sulla percezione della realtà di noi cittadini che ci dovremmo sentire più o meno sicuri in base a quanti servizi spot passano al tg5... miracolosamente il nuovo pacchetto sicurezza risolverà tutto e torneremo a vivere nell'Eden.
O almeno così ci verrà detto...

riccardo gavioso ha detto...

basterebbe guardarsi indietro e, come hai fatto in questo articolo, rifarsi alla storia che ci siamo lasciati alle spalle: anche in fatto di dittature ormai nessuno inventa più niente! :(

francesca ha detto...

niente di diverso...hai ragione
mi spaventa quello che accade
un abbraccio

Ed ha detto...

Stiamo precipitando.

l'incarcerato ha detto...

Grazie Franca per aver messo questa testimonianza. E' tutto vero quello che dice, ma c'è una differenza. Questo è un fascismo ad ispirazione popolare, e mi nausea tutto ciò!

Ma ti rendi conto che le ronde sono composte da esaltati. Ho paura che ci scapperà pure il morto..

Chit ha detto...

Sarebbe bello se prima di mandarli in giro in mandria gli facessero visionare la puntata di domenica scorsa di Presa Diretta su rai3... chissà?! ... anche se visti i personaggi dubito fortemente che qualcosa o qualcuno li muova dai loro fieri propositi.

Romina ha detto...

Contro la criminalità deve agire solo lo Stato e in maniera efficiente. I gravi problemi della giustizia italiana sono l'enorme lentezza dei processi e l'assenza della certezza della pena, fatti che poi generano sfiducia nei cittadini, che si accorgono come una persona condannata per gravi misfatti non sconta quasi mai la pena assegnata.

Le ronde-fai-da-te sono potenzialmente pericolose, perché si sa che possono sfociare in atti arbitrari e anche violenti, e possono diventare occasione per sfogare i propri istinti peggiori.
Però non dimentichiamo che la Lega ha molti elettori e quindi c'è, a monte di tutto, un problema culturale irrisolto.

Romina ha detto...

Contro la criminalità deve agire solo lo Stato e in maniera efficiente. I gravi problemi della giustizia italiana sono l'enorme lentezza dei processi e l'assenza della certezza della pena, fatti che poi generano sfiducia nei cittadini, che si accorgono come una persona condannata per gravi misfatti non sconta quasi mai la pena assegnata.

Le ronde-fai-da-te sono potenzialmente pericolose, perché si sa che possono sfociare in atti arbitrari e anche violenti, e possono diventare occasione per sfogare i propri istinti peggiori.
Però non dimentichiamo che la Lega ha molti elettori e quindi c'è, a monte di tutto, un problema culturale irrisolto.

ivan ha detto...

tu dici niente di diverso da quello che...questi neanche sanno di che parliamo, non vedono al di là del loro naso e quello che si trova più vicino lo vedono solo se fa loro comodo. Sono senza idee, senza testa, senza ragione. Sono sconfortato.

Valentino ha detto...

"...un paese dove il più caro amico di uno dei leader che simboleggiò la corruzione della classe politica del paese diventò l'uomo più ricco, l'imprenditore più famoso, il premier più amato, il leader di partito più votato; il segretario dell'ex partito neofascista diventò presidente della camera, terza carica della stato; uno dei dirigenti dello stesso partito fu eletto sindaco della capitale; l'opposizione fu sciolta in modo democratico e le venne affidato il compito di autodistruggersi; gli ultimi dirigenti di quello che fu il più grande partito comunista dell'Europa occidentale lasciarono spontaneamente la guida a un uomo della Democrazia Cristiana, il loro avversario storico; il resto della sinistra si divide così tante volte che alla fine raggiunse proporzioni omeopatiche; a raccoglierne l'eredità fu soprattutto un magistrato; intanto il tutto il paese si diffuse il fenomeno delle ronde. Ma è quello che venne dopo che fa paura." Giovanni de Mauro

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-84f80495-69a7-4a2d-a555-ae3b708647a4.html?p=0