sabato 8 settembre 2007

8 settembre 1943

Il generale americano Dwight Eisenhower annuncia la resa incondizionata dell'Italia fascista.

«Ogni ordigno, ogni nave da guerra, ogni missile lanciato significa, alla fine del giorno, un furto ai danni di coloro che sono affamati e non hanno cibo, di coloro che sono nudi ed hanno freddo. Quando vi parleranno di guerra preventiva, dite loro di andare a combatterla da soli. In seguito alla mia esperienza, sono giunto a odiare la guerra. La guerra non risolve nulla. Dietro le nubi di guerra c'è l'umanità appesa ad una croce di ferro».
Dwight David Eisenhower

Parole di grande attualità.

5 commenti:

GG ha detto...

Quando i repubblicani riuscivano ad essere umani...!

ivan ha detto...

la guerra è sempre una atrocità, il problema che in tanti anni l'uomo non se ne è mai liberato.

guccia ha detto...

Belle parole, sì. Mi spiace ma non riesco a vedere gli americani come eroi salvatori della patria. Ripenso ai bombardamenti inutili, alle manovre sulle nostre elezioni post-guerra, alle scelte tattiche che hanno fatto morire tanti partigiani nell'ultimo inverno...

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Grandi parole, peccato che Bush non le abbia mai lette o cmq ascoltate.

S.B. ha detto...

purtroppo si, sono ancora di grande attualità! :-(